18 Febbraio 2024

Ammansire le bestie

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 1,12-15)
In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

Il commento

Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano” (1,13). Il racconto delle tentazioni si conclude con un dettaglio inedito che non troviamo negli altri evangelisti. Secondo gli esegeti è l’annuncio e il preludio di quella creazione pacificata che Dio realizzerà alla fine dei tempi, come scrive l’apostolo Pietro: “secondo la sua promessa, aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali abita la giustizia” (2Pt 3,13). Vorrei però dare una lettura di natura antropologica e psicologica. Nel viaggio della vita dobbiamo fare i conti con alcuni compagni di viaggio che nessuno vorrebbe avere: la solitudine, la sofferenza, i dubbi, le paure…. Man mano che avanziamo, scopriamo anche di avere limiti che rallentano e talvolta impediscono di realizzare quel che desideriamo con sincerità di cuore. E infine prendiamo coscienza che nel cuore si annidano anche sentimenti perversi che ci spingono a fare ciò che è male: “non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio”, scrive Paolo (Rm 7,19). Sono compagni scomodi che, nei momenti di maggiore debolezza, diventano come bestie selvatiche che aggrediscono e divorano le nostre buone intenzioni. Una condizione oggettivamente difficile che richiede un costante combattimento.

Se Gesù sta con le bestie, vuol dire che le ha addolcite, le ha rese innocue. È una bella notizia, è consolante sapere che la presenza di Gesù inaugura un tempo in cui l’umanità può vincere il male, anche e soprattutto quello che si nasconde nelle pieghe del cuore e si riveste di buoni sentimenti. Noi non siamo in grado di riconoscere e ammansire le bestie, Dio sì. Se facciamo alleanza con Lui, se ogni giorno invochiamo e accogliamo lo Spirito Santo, anche le situazioni che ci fanno più paura diventano nostre compagne, possono farci soffrire ma non possono più farci del male, possono ferire il corpo ma non cambiare il cuore. All’inizio del tempo quaresimale, chiediamo la grazia di entrare in una più intima amicizia con Gesù per fare di ogni deserto un giardino fiorito.



Briciole di Vangelo

di don Silvio Longobardi

s.longobardi@puntofamiglia.net

“Tutti da Te aspettano che tu dia loro il cibo in tempo opportuno”, dice il salmista. Il buon Dio non fa mancare il pane ai suoi figli. La Parola accompagna e sostiene il cammino della Chiesa, dona luce e forza a coloro che cercano la verità, indica la via della fedeltà. Ogni giorno risuona questa Parola. Ho voluto raccogliere qualche briciola di questo banchetto che rallegra il cuore per condividere con i fratelli la gioia della fede e la speranza del Vangelo.


Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Silvio Longobardi

Silvio Longobardi, presbitero della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno, è l’ispiratore del movimento ecclesiale Fraternità di Emmaus. Esperto di pastorale familiare, da più di trent’anni accompagna coppie di sposi a vivere in pienezza la loro vocazione. Autore di numerose pubblicazioni di spiritualità coniugale, cura per il magazine Punto Famiglia la rubrica “Corrispondenza familiare”.

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.