Adozioni

L’Etiopia come il Congo: possibile blocco dei bambini adottati

foto: @di kafeinkolik - Shutterstock.com

a cura della Redazione

Una storia che si ripete. Circa un centinaio le famiglie adottive che attendono l’arrivo dei loro bambini dal Corno d’Africa, ma la situazione sembra destinata a restare congelata ancora per un po’.

Era il 25 settembre del 2013 quando Kinshasa annunciò improvvisamente il congelamento delle pratiche delle adozioni in Congo: “Basta, i bimbi restano qui”, disse e quello fu l’inizio di un vero e proprio calvario per un centinaio di famiglie e soprattutto per i loro bambini che restavano in attesa. Ora è il turno dell’Etiopia.

Una decisione annunciata quella del Parlamento di Addis Abeb, anche se la Commissione adozioni internazionali e gli enti adottivi non se l’aspettavano. La questione dell’adozione dei bimbi etiopici è al centro di un acceso dibattito nel Paese del Corno d’Africa sin dal 2013, in seguito alla morte misteriosa di una 13enne negli Stati Uniti, imputata alla responsabilità dei genitori adottivi.

Attualmente sono circa un centinaio le famiglie coinvolte dalla decisione: 22 già protagoniste di un abbinamento, già in contatto con un bambino, 85 con dei dossier aperti sul Paese.

“Da tre anni avevamo smesso di indirizzare famiglie sull’Etiopia – spiega Paola Crestani, presidente del Ciai (Centro italiano aiuti all’infanzia) –, la situazione era delicatissima, il malumore nel Paese molto forte”. L’ente è il primo, nella storia italiana, ad aver adottato un bimbo dall’Etiopia, nel 1990 e tra i soli sette autorizzati a operare nel Paese, insieme a Aiau, Ami, Enzo B, Centro aiuti per l’Etiopia, Cifa e Icplf.

Su questo ennesimo black-out tuttavia, pesa anche la paralisi della Cai nell’ultimo quinquennio e fino alla nomina – prima dell’estate – del vicepresidente Laura Laera, che soltanto da settembre ha ripreso a riunire l’organismo e a dialogare con enti e famiglie. “Paghiamo questi anni di vuoto e la totale assenza di dialogo coi Paesi stranieri”, ha sottolineato Gianfranco Arnoletti, presidente di Cifa.

Gli enti adottivi intanto chiedono alla politica maggiore sostegno e maggiore impegno per dare una svolta al mondo delle adozioni.

 




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.