Il Santo Padre

Il Papa al Sud Sudan: “Rimanete nella pace. Lo chiedo con il cuore”

Papa Francesco - L'esperienza della morte in famiglia

(Foto: giulio napolitano / Shutterstock.com)

a cura della Redazione

Almeno 4000 morti nella guerra civile iniziata nel 2013 in Sud Sudan. Il Papa in ginocchio davanti ai leader politici ed ecclesiastici dello Stato per implorare la pace.

“Vi chiedo come fratello: rimanete nella pace. Lo chiedo con il cuore, andiamo avanti, ci saranno tanti problemi ma non spaventatevi. Risolvete i problemi. Avviate un processo che finisca bene. Ci saranno lotte tra voi, ma che queste rimangano dentro l’ufficio, davanti al popolo le mani unite. Così da semplici cittadini diventerete padri della nazione. Permettetemi di chiederlo con il cuore con i miei sentimenti più profondi”. Così Papa Francesco in ginocchio ai leader politici del Sud Sudan.

Un gesto di supplica per le vite spezzate nel conflitto civile sudanese, arrivato al termine dei due giorni di ritiro spirituale in Vaticano. Un «tempo di grazia» dedicato alla riflessione e alla preghiera, per chiedere a Dio «un futuro di pace e prosperità per la gente del Sud Sudan». Il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, aveva presentato così il ritiro spirituale che si è svolto nella Casa Santa Marta. Un tentativo diplomatico estremo per avviare un confronto tra le massime autorità civili ed ecclesiastiche del giovane Paese africano, tra i più poveri al mondo, oltre che dilaniato da una violenta guerra civile.

Un ritiro che, ha ricordato Parolin in occasione dell’inaugurazione dell’evento, è stato approvato da Papa Francesco su proposta dell’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana, Justin Welby, che l’ha pensata come iniziativa «spirituale, ecumenica e diplomatica».

Una «opportunità» di incontro e riconciliazione nello spirito «del rispetto e della fiducia» per coloro che «in questo momento hanno la missione e la responsabilità speciali di lavorare per lo sviluppo» del Sud Sudan, precipitato nel 2013 nella sanguinosa guerra civile, che ha causato almeno 400 mila morti. L’evento si è concluso con il discorso del Papa ai leader del Sud Sudan e il gesto di implorare la pace, inginocchiandosi di fronte a loro.

In seguito, ai partecipanti è stata consegnata una Bibbia firmata dal Papa, dall’arcivescovo di Canterbury e dal reverendo John Chalmers, già moderatore della Chiesa presbiteriana di Scozia, con il messaggio «Ricerca ciò che unisce. Supera ciò che divide».




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.