Madre, l’altro nome di Dio…

8 Maggio 2021

Avete mai provato ad immaginare il dolore di 20 ossa che si rompono tutte insieme e allo stesso momento? Provateci e capirete qual è il dolore che prova una donna nel mettere al mondo un figlio. La maternità è la grande bellezza dell’umanità, una bellezza che, tuttavia, rischiamo di perdere.



Il bello delle donne… alla luce di Mulieris Dignitatem

Qual è il ruolo della donna nella società di oggi? Parte da questa domanda la riflessione contenuta nella nuova rubrica in podcast di Punto Famiglia “Il bello delle donne alla luce di Mulieris Dignitatem”. Dieci appuntamenti mensili a partire dal giorno dell’Immacolata Concezione: archetipo della donna nel mondo, nella famiglia e nella Chiesa. A cura di Ida Giangrande.


Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Ida Giangrande

Ida Giangrande, 1979, è nata a Palestrina (RM) e attualmente vive a Napoli. Sposata e madre di due figlie, è laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Napoli, Federico II. Ha iniziato a scrivere per il giornale locale del paese in cui vive e attualmente collabora con la rivista Punto Famiglia. Appassionata di storia, letteratura e teatro, è specializzata in Studi Italianistici e Glottodidattici. Ha pubblicato il romanzo Sangue indiano (Edizioni Il Filo, 2010) e Ti ho visto nel buio (Editrice Punto famiglia, 2014).

ANNUNCIO



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.