Famiglie numerose

Quali lezioni di vita possiamo imparare in una famiglia numerosa? Ve ne offro dieci…

Sono il quinto di cinque figli e ringrazio ogni giorno il Signore per il fatto che i miei genitori non si siano fermati “prima”. Le famiglie numerose sono sempre di meno in Italia, ma posso testimoniare che ci sono almeno dieci lezioni di vita che si possono più facilmente comprendere facendo parte di una famiglia numerosa…

Nelle ultime settimane la questione dell’inverno demografico sembra finalmente entrata con forza nel dibattito pubblico e, prima ancora del Forum delle Famiglie di questi giorni, un segnale importante è giunto dall’Assemblea Nazionale delle Famiglie Numerose che si è svolta dal 29 ottobre al 1 novembre a Marina di Ascea in provincia di Salerno. Un appuntamento speciale quello vissuto ad Ascea perché coincide con i 18 anni dell’associazione, una data quindi da festeggiare come una tappa di maturità per quanti portano avanti il peso e la gioia di una famiglia “larga”. Negli anni ’60 le famiglie numerose erano più di tre milioni, oggi sono meno di 129mila. Ci sarebbe tanto da parlare dell’assenza di politiche economiche di sostegno a questa scelta coraggiosa, dell’assenza di una battaglia culturale a favore della famiglia, dell’assenza di agevolazioni adeguate quasi che questi temerari non rappresentino invece un segnale di speranza per l’intera società. Riprendendo le parole del presidente della CEI Matteo Zuppi, non bastano i “bonus” serve perseguire il “bonum”, non provvedimenti spot ma una visione di lungo respiro. Ed è ora che dia risalto al bene umano e sociale che concretamente costruiscono ogni giorno le famiglie numerose.

Confesso di essere di parte. Sono il quinto di cinque figli e ringrazio ogni giorno il Signore per il fatto che i miei genitori non si siano fermati “prima”. Già allora, negli anni ’70, per usare le parole di mio padre, la famiglia numerosa era una scelta “bella ma non consigliabile”. Oggi le coppie si fermano ad uno, al massimo due figli, alcune ne hanno zero… Troppo impegnativa la responsabilità di una famiglia “tradizionale”. 

Eppure, ci sono almeno dieci cose che si possono più facilmente comprendere facendo parte di una famiglia numerosa, un patrimonio umano che viene messo a servizio della società.

Primo: parafrasando John Donne, nel verso reso celebre da Thomas Merton ed Ernest Hemingway, “nessun uomo è un’isola”, eppure nella società di oggi siamo sempre più spesso portati a crederlo. La famiglia numerosa ci insegna sin da subito che essere parte di un arcipelago è di gran lunga più bello.

Secondo: inutile nascondersi, come direbbe Lorenzo Jovanotti, “io lo so che non sono solo, anche quando sono solo”, la bellezza tra fratelli e sorelle è sapere di “esserci”. A volte ingombranti, ma mai assenti.

Terzo: ad Antoine-Laurent de Lavoisier lo avrà insegnato sicuramente la mamma, “nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”; in una famiglia numerosa è una massima di vita. Ripenso spesso ai biscotti del “pacco famiglia” che dopo un po’ di tempo, se non consumati, non si buttavano di certo ma diventavano l’ingrediente principale del salame di cioccolato. Per non parlare delle ricette multiuso del pane raffermo…

Leggi anche: Nove figli e tante risorse. Una famiglia diversamente normale (puntofamiglia.net) 

Quarto: “ogni maglia è nuova se è la prima volta che la indossi”. Altro che corsa alla marca e allo shopping, nella scala della crescita indossare i vestiti del fratellino maggiore è la medaglia da ostentare in petto per sentirsi già grandi. Quante mode inutili si possono evitare…

Quinto: bluffare non serve, c’è sempre qualcuno che ti riporta alla realtà. Benjamin Franklin avrebbe chiosato “Ben fatto è meglio che ben detto”; in una famiglia numerosa lo si impara molto presto.

Sesto: “Solo originali, nessuno è fotocopia”. Pur essendo figlio unico il beato Carlo Acutis aveva intuito fosse questa una via di santità. In una famiglia numerosa si sperimenta la bellezza di tanti “originali” che suonano, a volte stonando, nella stessa orchestra della vita. Ma anche queste note, in fondo, fanno colore. 

Settimo: in una famiglia numerosa si impara sin da subito l’arte nobile del compromesso, anche soltanto per guardare la TV. Come amava ripetere il politico francese Aristide Briand “Un compromesso è perfetto quando tutti sono scontenti”; da bambino quanti cartoni animati mi sono perso…

Ottavo: non solo per i genitori ma anche per i figli vale la regola d’oro di Samuel Beckett “Hai provato? Hai fallito? Non importa. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio”. Imparare a “sbagliare bene”, e a osservare, imparando, dagli sbagli degli altri arricchisce il bagaglio di esperienza di ogni singolo componente. Condividere le vite degli altri è anche fare esperienza precoce della propria vita.

Nono: è impegnativo, ma ne vale la pena, perché come diceva il visionario inglese John Ruskin “Il migliore riconoscimento per la fatica fatta non è ciò che se ne ricava, ma ciò che si diventa grazie ad essa”. In una famiglia numerosa si diventa migliori.

Decimo: “Dio esiste, ma non sei tu”. In una famiglia numerosa c’è la prova di entrambe le verità. Assaporare ogni giorno la bellezza della vita è la prova della prima evidenza, capire che non si può pretendere di essere in via esclusiva il centro del mondo, è la seconda, forse non meno importante. 

Sono dieci piccole lezioni di vita; in una famiglia numerosa s’imparano prima.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Vito Rizzo

Vito Rizzo è nato e vive ad Agropoli (SA). Avvocato e giornalista, autore e conduttore di programmi televisivi di informazione religiosa. È catechista, educatore di Azione Cattolica e direttore del Festival della Teologia “Incontri”. Oltre alla Laurea in Giurisprudenza all’Università “Federico II” di Napoli, ha conseguito la Laurea in Scienze Religiose presso l’ISSR “San Matteo” di Salerno e sta proseguendo gli studi teologici presso la Sezione “San Luigi” della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli. Tra le sue pubblicazioni “La Fabbrica del Talento”, Effedi editore (2012), con Milly Chiarelli “Caro Angioletto. Le preghiere con le parole dei bambini”, L’Argolibro editore (2014), con Rosa Cianciulli “Francesco. Animus Loci”, L’Argolibro editore (2018). Ha attivato un suo blog (vitorizzo.eu) su cui pubblica riflessioni e commenti e collabora alla rivista on line di tematiche familiari Punto Famiglia. Sempre con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato “Carlo Acutis – l’apostolo dei Millennials”.




ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.