Verso il Sinodo

“Instrumentum laboris”, integrazioni e miglioramenti in vista del Sinodo

Papa Francesco

giulio napolitano - Shutterstock.com

Si è conclusa ieri la due giorni, che ha visto impegnato il Consiglio ordinario del Sinodo dei vescovi, in preparazione della XIV Assemblea generale ordinaria del prossimo ottobre. L’organo, presieduto da Papa Francesco, ha lavorato all’Instrumentum laboris.

Si è concluso ieri l’incontro del Consiglio ordinario del Sinodo dei vescovi in preparazione alla XIV Assemblea generale ordinaria sul tema “La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo”, che avrà luogo dal 4 al 25 ottobre 2015. Il Santo Padre ha aperto e presieduto i lavori, sottolineando l’importanza del cammino sinodale. «Il Consiglio ha esaminato – si legge in un comunicato – il progetto dell’Instrumentum laboris, che risulta dalla Relatio Synodi della Assemblea straordinaria, integrata con i numerosi apporti forniti dalle risposte alle domande contenute nei Lineamenta inviate dalle Conferenze episcopali e dagli altri Organismi aventi diritto, nonché da numerosi contributi di diverse realtà ecclesiali e di singoli fedeli pervenuti alla Segreteria generale».

L’esame del testo ha offerto proposte e contributi per la sua integrazione e il suo miglioramento. «Il testo così rivisto – prosegue la nota – e condiviso dai membri del Consiglio, è stato affidato alla Segreteria generale per la redazione finale, la traduzione in diverse lingue e la pubblicazione che avverrà fra poche settimane».

Al termine dell’esame dell’Instrumentum laboris, la Segreteria generale ha anche proposto una nuova metodologia da adottare per i lavori della prossima Assemblea del Sinodo.

 




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.