Sinodo sulla Famiglia

Il valore evangelizzante del matrimonio e della famiglia

Sinodo sulla Famiglia

(Foto: Agenzia SIR)

Ieri l’ottava Congregazione generale del Sinodo: presentate le sintesi dei lavori dei 13 Circoli minori. Quasi a metà del percorso sinodale, piovono già le domande su come si concluderà l’assise. “Spetta al Papa decidere” secondo il portavoce vaticano.

Si è svolta ieri l’ottava Congregazione generale del Sinodo, durante la quale è stata presentata la sintesi dei lavori dei 13 Circoli minori, incentrati sulla seconda parte dell’Instrumentum laboris, dedicata alla vocazione e alla missione della famiglia.

Dal Circolo di lingua inglese moderato dal cardinale Collins è arrivato l’invito ad adottare un linguaggio più positivo sull’indissolubilità del matrimonio. Per il porporato nella traccia di lavoro mancherebbe una definizione del “matrimonio cristiano”, di qui la proposta di utilizzare quanto espresso in proposito nella Gaudium et Spes.

Dal Circolo minore di lingua francese moderato da monsignor Maurice Piat è stata avanzata la proposta di stilare un “prologo” per la seconda parte dell’Instrumentum laboris, in cui si parli della Parola di Dio come “bussola sicura” per la vocazione e missione della famiglia. Mentre il Circolo francese moderato dal cardinale Robert Sarah ha chiesto una riflessione supplementare su «come condurre le persone, e soprattutto i più giovani, a scoprire il senso e l’importanza del matrimonio cristiano in un momento in cui hanno difficoltà ad individuarne le ragioni e la finalità».

«Poiché l’istituto del Sinodo difficilmente potrebbe rispondere all’esigenza di ordinare in un documento esaustivo la complessa e diversificata dottrina sul matrimonio e sulla famiglia, emerge la necessità, da una parte di domandare un documento magisteriale che possa rispondere a questa esigenza, dall’altra l’impegno a verificare i risvolti pastorali attinenti alla tematica». È la richiesta pervenuta dal Circolo di lingua italiana moderato dal cardinale Edoardo Menichelli. Dalla riflessione del gruppo di lingua italiana guidato dal cardinale Angelo Bagnasco, emerge che: «Il punto focale del Sinodo è il valore evangelizzante del matrimonio e della famiglia», compito dell’assise è quello di «far circolare la linfa vitale del Vangelo dentro il corpo della Chiesa e della famiglia, per irradiarne l’energia e la vitalità anche nella via civile e sociale».

Il briefing in Sala stampa vaticana. Presenti al briefing di ieri in Sala stampa vaticana, il cardinale Vincent Gerard Nichols, arcivescovo di Westminster e presidente della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles; il cardinale Ruben Salazar Gomez, arcivescovo di Bogotà e presidente del Celam; e il cardinale Philippe Ouedraogo, arcivescovo di Ouagadougou.

Giunti a metà del percorso sinodale, piovono già le domande su come si concluderà il Sinodo. «Spetterà al Papa decidere se si concluderà con un documento magisteriale o un’esortazione», ha detto il cardinale Nichols. A questo proposito, padre Federico Lombardi, portavoce vaticano, ha ripetuto che “la procedura del Sinodo mira ad avere una Relazione finale che risulta dall’Instrumentum laboris e dall’elaborazione dei contributi e dei “modi” fatti dai Circoli Minori. Quello che non è chiaro, perché il Papa ancora non ce l’ha detto, è se lui riceverà l’Instrumentum laboris rielaborato e lo terrà per sé per fare un lavoro ulteriore, oppure ci dirà di pubblicarlo alla fine del Sinodo». «Ce lo dirà solo sabato», ha comunicato il direttore della Sala stampa vaticana.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.