Aborto

Trump: niente finanziamenti pubblici a chi sponsorizza l’aborto

Donald Trump

a cura della Redazione

Stati Uniti - Il presidente Donald Trump ha annunciato che le organizzazioni sanitarie che forniscono informazioni su come e dove si pratica l’aborto non avranno più diritto ai finanziamenti federali.

Niente finanziamenti pubblici a chi diffonde informazioni su come e quando praticare l’aborto. È l’ultima decisione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Una decisione destinata a far discutere soprattutto in previsione delle elezioni presidenziali previste per il 2020. Tale provvedimento potrebbe, infatti, privare di milioni di dollari la più grande organizzazione che promuove e pratica aborti Planned Parenthood – accogliendo le richieste dei gruppi in difesa della vita umana – e che dall’altro lato mira a consolidare il sostegno politico di gruppi sociali a forte motivazione religiosa, in particolare gli evangelici. Una scelta che inevitabilmente è già diventata un nuovo braccio di ferro con i democratici.

La Casa Bianca ha motivato la decisione del presidente dicendo che «aumenterà il numero dei pazienti assistiti e migliorerà la qualità della cura offerta», promettendo anche ulteriori sforzi per proteggere donne e bambini dall’abuso e dalle molestie sessuali. Il capogruppo repubblicano alla Camera, Steve Scalise, ha apprezzato il fatto che «molte organizzazioni sanitarie non dovranno più mortificare i propri principi pro-life per ricevere finanziamenti governativi».

Varie organizzazioni – e non solamente quelle pro-aborto – hanno intrapreso azioni legali contro l’Amministrazione. Al centro della misura messa a punto dal dipartimento della Sanità americana c’è la revisione del «Titolo 10», un programma creato nel 1970 dall’allora presidente Richard Nixon per fornire “pianificazione familiare” alle donne meno abbienti. Il progetto ogni anno spende 286 milioni di dollari per la contraccezione e altri servizi fruiti da circa quattro milioni di persone, il 22% dei quali afro-americane. Ed è proprio attraverso questo programma che Planned Parenthood e altri gruppi forniscono l’accesso all’interruzione di gravidanza.

Visto che la legge proibisce l’uso di fondi pubblici per l’aborto, queste organizzazioni dovranno ora operare in maniera trasparente, tenendo ben distinti i servizi sanitari da quelli abortivi. Non solo le cliniche saranno private di finanziamenti – si parla di 60 milioni di dollari solo per Planned Parenthood – ma non potranno fornire informazioni su dove poter ottenere l’aborto. Una regola già introdotta nel 1988 dall’allora presidente repubblicano Ronald Reagan e che – nonostante fosse stata confermata dalla Corte Suprema – non fu implementata dall’amministrazione Bush, per poi essere eliminata dal democratico Bill Clinton nel 1993.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.