“Sono solo una madre che dorme al sicuro mentre la figlia è sotto le bombe”

La testimonianza di Elena

Non ero molto credente prima di questa guerra, ma da quel maledetto 24 febbraio, il mio cuore non trova altra consolazione che pregare. I grandi della terra stanno provando a far cambiare idea al Presidente russo, ma nessuno ci riesce e nessuno ci riuscirà. Solo Dio può questo miracolo.

Sono in Italia dal 2002. Accudisco una signora anziana, vivo con lei, dormo accanto a lei, al sicuro. Ma mia figlia con i suoi bambini sono lì, in Ucraina. Quando ho saputo che i russi avevano cominciato l’invasione armata della mia terra, non so spiegare cosa ho provato. Rabbia, paura, smarrimento, impotenza: una parte di te vorrebbe prendere il primo volo e raggiungere i tuoi cari per condividere con loro questo destino così crudele. Un’altra parte ti suggerisce di restare qui e trovare invece il modo di portarli al sicuro.

Per continuare a leggere clicca qui




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.