Educazione

“Cerco un senso alla vita anche se la vita non ce l’ha”

giovane

di don Silvio Longobardi

La domanda che oggi trapassa il cuore delle giovani generazioni non riguarda più il senso della vita, ciò che interessa ai teenagers è come si vive. Il perché è una domanda che non li sfiora. O meglio li accompagna ma rimane sottotraccia, non s’impone, emerge solo quando la morte bussa alla porta in modo imprevisto e costringe a riflettere sul valore della vita.

È l’esito inevitabile di una cultura che ha soffocato la verità, ha sostituito il Mistero con la tecnica, ha identificato l’amore con il sesso. Non ci sono più certezze, siamo come su una barca in mezzo al mare, non possiamo sapere da dove veniamo e dove andiamo.

Per la maggioranza dei giovani – e non solo per loro – le condizioni del vivere sono più importanti della vita stessa. Chi va nelle scuole a parlare della droga, scopre con sorpresa che i ragazzi non reagiscono dinanzi all’esortazione moraleggiante che la vita non va sciupata; ma sono molto impressionati quando si parla degli effetti che l’uso della droga lascia nel corpo: perdita dei denti e dei capelli, ad esempio. Sono anche pronti a perdere la vita ma non a vivere in qualsiasi modo. Perché stupirci allora se, nonostante i continui spot, tanti giovani mettono a rischio la vita correndo a folle velocità sulla strada, magari dopo una notte passata in discoteca, tra musica assordante, alcol e sostanze stupefacenti. Perché stupirci se aumentano le gravidanze e gli aborti delle adolescenti?

Se manca la ricerca di un ideale capace di dare valore all’avventura umana, quel che rimane è cercare di rendere piacevole la vita. Forse ha pensato questo quel giovane di buona famiglia che, in una calda notte d’estate, ha violentato una minorenne francese. È accaduto a Capri. Forse era abituato ad avere tutto, ha scritto qualcuno, commentando l’episodio. O forse, più semplicemente, pensava che fare sesso potesse aiutare a vincere la noia. In fondo, voleva fare un’opera buona.

Il disagio più profondo, nella società del benessere, è la fatica di vivere. I giovani si sentono smarriti e insicuri dinanzi al futuro, vivono da estranei, come chi non ha casa e neppure la cerca. “Cerco un senso alla vita anche se la vita non ce l’ha”, canta Vasco Rossi. Ma perché perdere tempo a cercare quello che non c’è? Vasco non lo spiega. Eppure è proprio questa ricerca che distingue l’uomo dagli altri esseri, nessuno può soffocare il perché, prima o poi riappare come una domanda ineludibile. Vi sono situazioni in cui la voglia di vivere non basta più, vogliamo sapere perché vale la pena affrontare la vita, questa vita con le sue insanabili contraddizioni. Sono i momenti in cui ci vorrebbe un amico, qualcuno che sappia dire, senza troppe parole, perché la vita ha senso. È qui, nelle pieghe della storia quotidiana, che dovrebbero stare i cristiani, per accendere la luce della speranza.

Ecco la sfida che sempre più s’impone. Educare oggi non vuol dire semplicemente dare regole – i giovani se ne fregano, anzi sono istintivamente ostili ad  ogni tentativo di limitare la loro libertà – ma insegnare il mestiere di vivere, un’arte da imparare giorno per giorno, con grande fatica. Non si tratta solo di capire cosa fare ma perché impegnarsi e, soprattutto, in nome di chi. Chi crede ha già una risposta e il dovere di farla risplendere. Per il bene di tutti.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

12 risposte su ““Cerco un senso alla vita anche se la vita non ce l’ha””

La generazione di oggi cresce molto in fretta e vive in modo precoce l’adolescenza. Molti ragazzi gia all’età di 12 anni sono dipendenti da droga o sigarette,e non sempre conta la famiglia perche alcune volte i ragazzi peggiori sono figli alle persone migliori. A volte ne fanno uso non per bisogno personale ma per sentirsi grandi con gli altri. Penso che ognuno debba vivere al meglio la propria età senza esagerare

Ciao, io penso che l’unico passatempo non debba essere drogarsi,oppure abusare di minorenni,ma debba essere,come dice l’articolo,cercare un senso alla vita nonostante essa non ce l’abbia!
Ma ci chiediamo,che senso ha questa vita?
Sorrido,perché non riesco a trovare una risposta valida.. Ma credo che valga sempre la pena viverla.
Conosciamo molte ragazze che hanno vissuto esperienze sessuali e alcune ce ne parlano bene e altre sono rimaste molto deluse.
La prima paura è quella di una gravidanza indesiderata,ma la voglia di vivere queste esperienze,spesso non fa comprendere le conseguenze..
Anche essendo molto giovani,ovvero 14-15 anni, pensiamo che la vita sia piena di emozioni anche se a volte non mancano le tristezze.
Leggendo questa lettera ci chiediamo,se don Silvio ci potrebbe dare dei consigli per affrontare in maniera edificante la nostra difficile età. Spesso discutiamo di questi problemi anche con la nostra insegnate di religione,aprendo dei veri e propri dibattiti sulle problematiche dell’amore,sull’uso di sostanze stupefacenti,siamo sempre alla ricerca di una soluzione e ci accorgiamo che la cosa più bella è riuscirne a parlare e questo ci dona conforto e speranza di poter confidare le nostre paure e di poter trovare qualcuno con cui confidarci.

la vita non ha un senso, siamo noi che dobbiamo darglielo prefissandoci degli obbiettivi , lavorare e muoverci perchè è restando fermi ci si annoia , si cercano emozioni , come droga e alcol, che sono effimere e ci si fa del male senza accorgersene.
Credo che la nuova generazione è quella dei “finti grandi” troppo annoiati e senza motivazioni, influenzati da modelli sbagliati provano a fare gli adulti. I genitori devono impegnarsi si, a educare i figli ,ma anche fargli capire il valore della vita, fargli capire che le cose bisogna guadagnarsele ed è cosi che si provano soddisfazioni e la vita prende senso.
Droga e alcol non sono niente in confronto ad una serata passata con gli amici a ridere , è questo che i giovani ancora devono capire.

“Voglio trovare un senso a questa vita anche se questa vita un senso non ce l’ha”.Caro Vasco hai proprio ragione,allora perché noi cerchiamo di trovare una spiegazione a tutto ciò che la vita ci mette avanti?
Mi vien da ridere perché la risposta non la so, so solo che bisogna semplicemente viverla così com’è.Spesso a scuola in diverse conferenze abbiamo sempre discusso su tematiche riguardanti droga,alcol,gravidanze indesiderate ecc… Cercando di dare una spiegazione a tutto questo.Ma alla fine quel che conta è parlare e confidare i nostri timori a persone che potrebbero aiutarci .

Io ho delle amiche che fanno uso di stupefacenti quando ne hanno l’occasione,ma non ne abusano. Non sono mai venuta a contatto con persone che abusano di queste sostanze ma ho letto storue realmente accadute su internet e ho visto interviste a riguardo alla televisione.E niente.posso tollerare che facciano un tiro ogni tanto a condizione di non esagerare ma soprattutto di contenersi pet non fare una brutta fine….La scoperta dell’amore la voglia del diverso,la sessualità precoce spesso davvero ci giochiamo la vita…

Il tempo passa e anche quest’età . Con gli anni la paura di essere adolescente comincia ha svanire, diventerò una donna non è nulla , questo pensavo all’età di 10 anni sono trascorsi 6 anni e quella paura e diluita , ci sono perdite di persone importantissime, amici persi di vista , amici buoni e non buoni i primi amori le prime cotte, la scuola che tartassa i genitori che non capiscono. Alcuni momenti pensi ma questa vita , perchè è cosi crudele con me. Le notti passate a piangere oppure a ricordare momenti fissando il soffitto e immaginando le scene come se fossero riproduzioni di un film rivisto centinaia di volte. La vita di una adolescente e trattenere lacrime fingendo sorrisi . La vita di un adolescente e dura alcuni di loro non si riescono a trattenere cominciano a fumare oppure drogarsi tutto per colpa di una vita dura. Sai anche io una ragazza di 16 anni al giorno d’oggi penso ma questa vita ce l’ha con me? Poi mi rispondo questo è solo un periodo tutto passerà. Penso : “Smettila di stare male! Questo è solo un periodo dell’adolescenza un pò oscuro dove ti chiedi ma questo mondo cosa cerca da te. Al giorno d’oggi noi adolescenti giudichiamo questa vita orrenda, e pure la riusciamo a combattere come grandi lottatori, alcuni ragazzi ubriacandosi mettono la propria vita a rischio oppure in vendita come se la prostituzione aiuta a togliere tutti i problemi. Io non sono nessuno per giudicare gli errori degli altri! Errori ne ho compiuti anche io , anzi molti errori , però come si dice sbagliando si impara! Penso quanto possa essere dura questa vita ma lo stesso momento penso che sia la cosa più bella perché quante persone hanno molte difficoltà in tutti i modi ma non si bloccano su quella difficoltà e non solo si può fare sempre di più mai arrendersi. Penso che la vita dovremmo trattarla come un nemico combattendolo arriverà il momento in cui diventerete grandi amici perché si sa il miglior nemico si rivelerà sempre una persona opposta a quello che si crede, e così dovrebbe essere trattata la vita però diciamo che la vita di un adolescente è un qualcosa di forte. Sarebbe bello molto bello non avere problemi ma sarebbe bello rimanere tutta la propria vita così com’è senza gettarsi a capofitto si deve essere forti e talmente forti da combattere a testa alta questa vita .Arriverà quel giorno dove noi adolescenti penseremo: “Eravamo noi guerrieri e la vita sarà uno spettacolo come una luna che si rispecchia con tutta la sua bellezza nel mare calmo”.

Secondo me, non è vero che la vita un senso non c’è l ha.. Perché se hai persone accanto che ti voglio bene ti insegnano a capire le cose vere della vita e soprattutto ti introducono il percorso che TU dovrai fare con le tue forse.. Poi resta a te capire quali sono le persone che ti fanno bene, altrimenti dopo aver fatto il primo passo sbagliato logicamente tutti gli altri saranno sbagliati..
E tutta questione di logica se inizi a frequentare gente pazza, che si ubriaca finirai per fare ance tu la stessa fine..
La vita è bella è va vissuta giorno per giorno, attimo per attimo.. Con questo ho detto tutto..!

In quest’articolo ho letto molte volte che si é alla ricerca del senso della vita. Io penso che a tante domande non ci si può dare una risposta, tra queste c’è il senso della vita. La vita è un mistero, come il mistero della fede, bisogna principalmente crederci e vivere la vita perché è una sola, non torna più e quindi bisogna viverla al massimo. Non ci sono ne se e ne ma, la vita è una ed unica, è un vero e proprio dono che DIO ci ha fatto. Concludo dicendo che proprio perché la vita è unica non bisogna sprecarla facendo cose sbagliate per il puro piacere di provare e divertirsi. Proprio per questo molte persone hanno comportamenti sbagliati nei confronti della vita e quando sbagliano si giustificano dicendo : la vita è una sola, se non lo faccio ora non lo faccio più.

Oggi il pensiero principale della nuova generazione è quello di vivere bene e non di preservare la propria vita. Si preferisce correre un rischio per fare una bravata e divertirsi solo in quel momento piuttosto che pensare di salvaguardare la propria vita. Da Ficus Carmine e infine Luca

In questo articolo si parla del senso della vita che molti adolescenti vorrebbero già conoscere, come se già fosse arrivata la loro ora, come se già tutto quello da fare nella vita, sia stato tatto. Io penso che ci sono adolescenti che pongono fine alla propria vita con droghe, o causando incidenti in strada,volontariamente, come elenca Don Silvio, proprio perchè non capiscono, anzi..non trovano un senso per quanto riguarda la propria vita. Il problema è che prendono alla leggera la situazione, pensano che non avendo nessun motivo per andare avanti, nessun senso,appunto, togliersi la vita sia la migliore delle soluzioni. Non si rendono conto delle cose che spazzeranno via con se: il sorriso di chi ama.
Penso che se a 14 anni, ad esempio, ancora non hai colto il senso della vita, devi essere ancora più esilarata ed emozionata..devi avere ancora più voglia di crescere, e prefissarti come uno dei tuoi principali scopi, scoprire il senso della vita. Chissà, si può rimanere colpiti.
Non so quanto valga la mia parola confrontata a quella degli altri, ma penso soltanto che fare uso di droghe, non aiuta a capire il senso della vita, anzi, stordisce ancor di più. Poi per il problema delle gravidanze e degli aborti adolescenziali..beh, c’è da dire che è anche colpa degli adolescenti, che spesso non sanno porsi dei limiti. Che poi perchè questa voglia di infilarsi subito in questi tunnel? Perchè avere la presunzione di voler subito essere grandi?
Io penso che sia più bello vivere la vita con la speranza che, un giorno, il senso della vita ci apparirà più chiaro..perchè sbrigarsi? Perchè togliersi la vita? La vita va vissuta giorno per giorno ed attimo dopo attimo.

Secondo me non c’è risposta alla domanda: “la vita ha un senso?”
Basta viverla nel migliore dei modi tutti i giorni, come se fosse l’ultimo, facendo esperienze ma avendo sempre la testa sulle spalle. A volte la vita ci sembra così brutta e triste che pensiamo “questa vita non ha senso”
Alla fine la vita non ha mai un senso ben preciso
Ci sono giorni in cui ci va tutto per il meglio e siamo così fieri di questa vita, e poi ci sono giorni in cui ci va così tutto male che vorremmo “sparire”, pensiamo che la vita sia uno schifo e vorremmo solo andarcene via, lontano
Per me la vita non ha un senso, perchè avere un “senso” significa che la vita dovrebbe seguire solamente quel senso, bello o brutto, e invece qui la vita ci riserva qualsiasi momento, anche il più brutto che non vorremmo mai vedere

Molti si chiedono quale sia il senso della vita, questa è una domanda a cui ognuno di noi risponde a seconda di quello che crede e sente, o può sentire dentro, per trovare un senso o uno scopo al perché viviamo.
Credo che nella vita ci sia dato un tempo prestabilito da vivere breve o lungo che sia penso anche che questa vita sia un dono di Dio che non va sprecato, ma che va vissuto giorno per giorno con le gioie o dolori che esse siano. C’è una frase che mi piace molto e dice: “Bisogna vivere nel mondo ma non essere mai del mondo”, che vuol dire vivere la vita come un passaggio. Vivere per vivere , sapendo che un giorno finirà tutto o forse no. Credo che Dio abbia stabilito dal principio l’ora della nostra nascita e l’ora della nostra morte. Vorrei aggiungere anche le cose che hanno e che danno veramente un valore alla nostra vita, non si possono vedere con gli occhi, ne toccare in mano, ma sappiamo che esistono. Valore e sentimenti come sono l’amore, la libertà, l’amicizia, il perdono,sono tutti valori e sentimenti reali e veri, più delle illusioni e le falsità del mondo, come è successo in passato, come succede nel presente, come succederà in futuro e saremo pronti a dare e dedicare tutta la nostra vita. Il senso della vita dipende anche da qui, infatti ci sono ragazzi, che molto spesso perdono il controllo e a poco a poco cominciano ad essere dipendenti dalla droga, della prostituzione. Questo accade quando non si è sicuri di noi stessi, delle sofferenze e si rifugiano lì, nella droga. In quei momenti stanno bene, sembra di non mancargli nulla, in un mondo tutto loro, ma subito dopo capiscono di essere tornati nel mondo di sempre e quindi ricominciano. Ci sono altri invece, che riescono ad uscirne, perché comprendono ciò a cui stanno andando incontro, valutando se è davvero quello ciò che vogliono fare nella vita , comprendendo che in quel modo si stanno solo rovinando.
Ad alcuni la vita è senza senso , perché nasci, soffri e poi muori. Si , le cose belle ci sono ,ma sono solo attimi fuggenti, le cose che rimango inpresse in noi sono le cose brutte che ci succendono nella vita. Dopo aver sofferto tutti questi anni a finire sotto terra, in un posto che rimarrà sempre oscuro, e che con il passare degli anni o anche in generazioni nessuno non sa più nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.