Dalla Disney la storia d’amore in salsa gender che convincerà tutti… grandi e piccini

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare della saga di Toy Story. Simpatico, divertente, coloratissimo: l’ideale per la propaganda gender. Il cartoon si chiama “Lightyear – La vera storia di Buzz” e il personaggio è Alisha Hawthorne. Dopo averlo visto sarà impossibile non uscire dal cinema senza essere stati imbottiti di ideali gender.

Si chiama Lightyear – La vera storia di Buzz, ed è l’ultimo cartoon Disney da poco uscito al cinema ed è anche l’ultimo piccolo capolavoro della propaganda Lgbt. Il bacio gay? Una scena annunciata. Quello che forse si sapeva meno era la trama del personaggio di Alisha Hawthorne, che è protagonista di qualcosa di molto più rilevante d’un semplice bacio saffico.

La trama? Alisha è incontrata da Buzz in varie sequenze temporali che scandiscono numerose tappe: il fidanzamento lesbico, l’atteso bacio, la felice unione e poi la venuta al mondo, presumibilmente attraverso un processo di fecondazione artificiale, d’una nuova creatura, che diventa “figlia” della co-protagonista e di sua “moglie”. Una sequenza di non poco conto tesa a sdoganare non sono l’amore lesbo, ma anche l’omogenitorialità, argomenti forse fin troppo complessi per essere sottoposti (o forse sarebbe meglio dire propinati) a un pubblico di bambini.

Leggi anche: Donna incinta? No, persona incinta… quando le parole cambiano la grammatica umana

In altre parole, in Lightyear – La vera storia di Buzz non manca proprio nulla, tranne una cosa forse: la figura paterna. Ed ecco servita la storia d’amore in salsa gender che convincerà grandi e piccini e contribuirà a liquefare il modello di famiglia fondata sull’unione tra l’uomo e la donna, oltre al modello di genitorialità fondata sulle figure materna e paterna.Nulla di cui sorprendersi. La presidente della Disney General Entertainment Content, Karey Burke ha dichiarato di voler portare fino al 50% la quota dei personaggi arcobaleno dei cartoni della celebre casa di produzione. Lightyear dunque è solo un assaggio di quello che ci aspetta in futuro. L’ultima parola comunque spetta alle famiglie e sembra calzare a pennello, l’appello della Dottoressa Silvana De Mari, che in un’intervista ha detto: “Genitori boicottate cinema”.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.