Storie

Lui ci ha scelti prima della creazione del mondo

di Antonio e Nausicaa Cirillo

Il 13 luglio 2012 Antonio e Nausicaa stringevano il loro patto nuziale, nello stesso giorno in cui Luigi e Zelia Martin si sono sposati. Nel cuore del Sinodo, mentre la riflessione e la preghiera si volge anche alle giovani coppie, vogliamo raccogliere la loro esperienza di fidanzamento.

Abbiamo scelto di incamminarci definitivamente verso la strada del matrimonio quando si è radicata in noi la consapevolezza che “In Lui ci ha scelti prima della creazione del mondo” (Ef 1, 4). Ci siamo conosciuti e innamorati nel difficile tempo dell’adolescenza, un tempo critico per le relazioni stabili ma anche fertile per permettere a Dio di intervenire con semplicità nella nostra storia e parlare al nostro giovane cuore. L’interiore disponibilità, nel tempo, ha forgiato le iniziali differenze caratteriali derivanti dalle diverse esperienze di vita che ciascuno aveva vissuto fino ad allora. L’incontro con Dio nella nostra storia è avvenuto in momenti diversi. Io, Nausicaa, avendo vissuto all’ombra di una famiglia profondamente credente e con una forte impronta coniugale, ho desiderato fin dall’inizio che il nostro amore fosse vissuto alla luce del cammino di fede della Fraternità di Emmaus. Ma Antonio non era ancora pronto per accogliere le provocazioni che lanciavo.

La preparazione al Sacramento della Confermazione si è rivelato il tempo del primo passo a due in cui entrambi ci siamo lasciati avvolgere da una veste nuova. Poi gli incontri per fidanzati, che hanno educato il nostro amore e soprattutto ci hanno permesso di vivere, in piena condivisione con altre coppie, le difficoltà e la bellezza del tempo di fidanzamento. Abbiamo potuto contare sulla presenza di una coppia guida che costantemente ci ha sostenuti, supportati e spesso reindirizzati. Molti sono stati gli impegni vissuti al servizio di Dio in questi anni: l’annuncio del Vangelo agli adolescenti, la cura dell’evangelizzazione nell’ambito giovani, la partecipazione alla Compagnia del Sorriso – una compagnia teatrale che ha raccolto fondi per i progetti di solidarietà in Africa – poi il viaggio in Burkina Faso insieme all’Associazione Progetto Famiglia Cooperazione.

Ogni ora di questo tempo donato a Dio ci ha permesso di crescere ed essere luce per noi e per quanti abbiamo incontrato. Con questo spirito cresceva forte il desiderio delle nozze, ma sempre intimoriti dalla necessità di stabilità, soprattutto lavorativa. Non poteva questo limite tarpare le ali di un sogno più grande.

Chiedemmo, durante un’Adorazione al Santissimo, di indicarci la strada e abbiamo trovato ciò che cercavamo: “e prese con sé la sua sposa” (Mt 1,24) indicava il Vangelo presentatoci da meditare. Il cuore sovrabbondava di gioia quando capimmo che Dio ci chiamava al matrimonio. Affascinati dall’esperienza dei coniugi Martin, straordinaria testimonianza di santità coniugale, abbiamo voluto affidare il nostro matrimonio ai genitori della piccola S. Teresa di Lisieux. Fu così che il custode della nostra Fraternità ci invitò a vivere l’inizio della preparazione al matrimonio con un intenso pellegrinaggio ad Alençon, in Francia.

Quell’esperienza ci ha stimolati nuovamente. In quei giorni abbiamo respirato un clima di fraternità, di pace, con la possibilità di soffermarci su di noi e sul dono grande dell’amore alla luce dell’insegnamento di due Beati che hanno saputo cogliere lo straordinario nel quotidiano! Eravamo affascinati ed esterrefatti. Il Signore ci aveva rivelato ancora una volta la sua chiamata alla santità. Le difficoltà non sono mancate. L’ultimo anno, in cui abbiamo fedelmente dedicato del tempo alla nostra preparazione spirituale per ricevere degnamente il sacramento nuziale, ci ha temprati e non poco.

Più volte la situazione lavorativa di Antonio non ha garantito la giusta serenità per vivere questo momento così importante. Non è stato semplice, ma ci siamo affidati con la docilità dei bambini alla volontà di Dio, nella consapevolezza di rispondere ad una chiamata e ad una missione più grande. Abbiamo avuto la grazia di fermarci in più occasioni a meditare sul senso e il significato di ogni parola e ogni singola parte della liturgia nuziale, scegliendo con attenzione e dedizione le letture e i segni liturgici. Siamo stati accompagnati nel nostro percorso da don Silvio Longobardi, custode della Fraternità di Emmaus, e dai nostri fratelli di comunità.

Valore aggiunto alla nostra storia è stata l’opportunità di poter celebrare, per primi, le nozze nella Chiesa dedicata proprio alla famiglia Martin. La celebrazione è stata una festa grande e testimonianza di fede anche per amici e parenti che ne sono lontani. Rendiamo grazie a Dio per quanto ha operato e continua ad operare ogni giorno nelle nostre vite.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

2 risposte su “Lui ci ha scelti prima della creazione del mondo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.