Chi ha tendenze omosessuali è escluso dalla misericordia di Dio? La storia di Peter

Peter aveva invitato uno sconosciuto a fare sesso nel suo appartamento. Quando gli ha chiesto come si chiamasse, quello ha risposto: “Nessun nome. Solo sesso”. Capì che non poteva andare avanti così. “Frequentavo la Messa, pregavo molto e spesso mi ritrovavo a piangere senza una ragione apparente. Quel giorno ho iniziato a gridare al Signore in mezzo alle lacrime…” 

“Tenete presente che la mia è solo una storia”. Inizia così la testimonianza di Peter, membro di Courage; un carisma sorto per affiancare persone che sperimentano l’attrazione per lo stesso sesso e che decidono di vivere secondo gli insegnamenti della Chiesa Cattolica in materia di sessualità. 

“Ora ho dozzine di amici che hanno sperimentato percorsi un po’ diversi, ma sono giunti a molte delle conclusioni a cui sono arrivato io”, prosegue, per poi entrare nel vivo della sua vicenda personale. Racconta che nelle prime fasi della vita, il suo “bisogno di amore incondizionato” rimase in gran parte insoddisfatto. 

In particolare, non sentiva “la sicurezza dell’amore” di suo padre, che era assente dal punto di vista emotivo, distratto, scontroso e arrogante. La sera beveva e di giorno aveva la dipendenza dal lavoro. 

Ben presto, a Peter toccò un ruolo gravoso, che non spettava ad un bambino: 

“Ho iniziato a essere il supporto emotivo per la famiglia e soprattutto per mia madre. Questo mi ha messo in una posizione imbarazzante. In quel momento molto importante, la mia infanzia, mi sono sentito costretto a fare una cosa molto adulta. Ho dovuto sostenere mia madre al posto di mio padre. Quindi, avevo bisogno dell’amore di mio padre, ma mi è stato negato, mentre mi assumevo alcune responsabilità premature. Questo fa male. Questo ha fatto molto male”. 

Si è sentito “sommerso dal dolore”, diventando “triste e arrabbiato”. Per proteggersi, ha iniziato a innalzare muri e staccarsi dalla vita reale. La televisione è diventata la sua “via di fuga”, perché offuscava “il rumore e le delusioni”. Ancora non provava attrazioni sessuali, ma “più un desiderio di essere alla presenza amorevole e accogliente di altri uomini e ragazzi”. Afferma: 

“I ragazzi li osservavo tutti da lontano e non mi avvicinavo mai abbastanza da stabilire un vero contatto con loro. Alle medie, quando è arrivata la pubertà, la ricerca ha assunto un nuovo carattere. Gli impulsi sessuali mi inondarono. Non sapevo cosa stesse succedendo ed ero spaventato ma anche stupito. Ho iniziato a masturbarmi. Per quanto riguarda la mia conoscenza della sessualità in questo momento, avevo una vita un po’ protetta e non sapevo nulla degli impulsi sessuali che stavo iniziando a provare. Tutto quello che sapevo nel mio piccolo mondo isolato era che avevo trovato un nuovo modo per alleviare il mio dolore. Ho provato attrazione sessuale anche per le ragazze? No. Per qualche motivo, sembrava che non ci fosse posto in me per questo”

Parlava molto con le ragazze a scuola e nel vicinato, ma era una specie di “discorso frenetico che le teneva vicine nella conversazione ma anche a distanza”. Poi al liceo ha iniziato a parlare di questo con i consulenti. 

“Ero triste e mi sentivo confuso. Temevo di non poter fare amicizia. Loro mi hanno aiutato a esprimere i miei sentimenti. È stato bello farlo in presenza di un adulto e non essere criticato. Eppure, non siamo mai arrivati al nocciolo della questione. Non mi è mai sembrato di ricevere una guida piena di verità. Sembrava tutto semplicemente una lunga chiacchierata senza giungere ad alcuna conclusione”. 

Al college, un consulente ha dato una definizione alla sua esperienza. Disse: “Peter, hai considerato che potresti essere gay?” e nelle sedute successive gli ha fatto capire “in modi sottili” che avrebbe potuto “trovare maggiore soddisfazione nel fare sesso con uomini”. 

In un certo senso, questo lo rese “entusiasta”: pensava che fare sesso, invece che masturbarsi soltanto, sarebbe stato più piacevole. 

Al tempo stesso ammette: “In fondo, quello che stava dicendo non mi appariva come qualcosa di buono per me”. Tuttavia, credeva di essere lui ingenuo e di “non sapere abbastanza su tutte queste cose”. 

Il consulente gli suggerì di visitare un gruppo di sostegno gay nella zona. Peter accolse il consiglio e lì, molto presto, incontrò una persona con la quale ebbe il suo primo incontro sessuale. 

“In poco tempo ho iniziato a fare sesso con altri ragazzi. Prima uno poi l’altro. Con alcuni sono rimasto sei o più mesi, con altri poche settimane. Sembrava esserci una scorta infinita di partner sessuali. In mezzo a tutta questa eccitazione sessuale, avevo ancora un dolore dentro. Ma mi sono quasi sentito obbligato a continuare con il sesso gay perché mi aiutava a dimenticare il dolore. Per cinque anni ho cercato di trovare l’amore di cui avevo bisogno tra le braccia di un ragazzo e a volte ho sentito di averlo finalmente. Mi sono anche sentito accettato, mi sono sentito parte del gruppo”.

Poi, però, ci fu un incontro che lo mise in discussione, costringendolo a riconsiderare quello che stava facendo. 

“Una volta ho invitato uno sconosciuto a venire nel mio appartamento dopo aver ricevuto da lui i segnali che voleva fare sesso. Mentre stavamo facendo sesso, gli ho chiesto come si chiamava. Ha risposto: ‘Nessun nome. Solo sesso. Ora vai avanti’. A quel punto ho capito che qualcosa non andava. Non potevo continuare a dire che quello era uno stile di vita appagante. Ho iniziato a rivolgermi alla mia fede in Dio per ottenere risposte. Può sembrare strano, ma mentre accadeva tutto questo, io credevo in Dio. Frequentavo la messa e pregavo molto, ma spesso mi ritrovavo a piangere senza una ragione apparente. Poi è successo. Ho iniziato a gridare al Signore in mezzo alle mie lacrime. Ho iniziato a chiedere disperatamente il suo aiuto”. 

Leggi anche: Come impostare una vera educazione sessuale? La storia di Fabio e Rita (puntofamiglia.net)

Non molto tempo dopo, una donna di nome Mimì, che conosceva a malapena al lavoro, gli si avvicinò in mensa e gli chiese di pranzare insieme. Gli disse che aveva avuto un’intuizione su di lui. Mimì aveva capito che Peter viveva l’attrazione per il suo stesso sesso e che a questo era legata una sorta di inquietudine.

“Sono scoppiato in lacrime”, racconta Peter. Le disse che era vero e che stava soffrendo tanto. “Provavo un dolore così profondo, ho pianto mentre mi abbracciava, eppure, ho provato una gioia totale allo stesso tempo”. 

Oggi dice: “Dio mi stava raggiungendo attraverso la nebbia, con le braccia di qualcun altro. Mimì mi prese la mano e pregò con me. Più tardi mi ha parlato di un gruppo nella sua chiesa”.  Peter iniziò a frequentare gli incontri con quel gruppo, in una chiesa protestante. Racconta: 

“Mi sono unito al gruppo e ho iniziato a partecipare alle riunioni settimanali. L’anno e mezzo successivo è stato un tempo fantastico! Il gruppo mi ha aiutato a mettere insieme molti dei pezzi della mia vita. Ho cominciato a capire cosa stesse succedendo dentro di me. Ho smesso di fare sesso con uomini e di masturbarmi e ho avuto delle ottime esperienze di amicizia. Mi sono sentito come se fossi sulla strada giusta per la prima volta nella mia vita. Sono stato con loro per un po’ e ho ricevuto molto da quel periodo condiviso con loro, ma non erano cattolici e sapevo in cuor mio che dovevo entrare in comunione con gli altri per mezzo dell’Eucaristia, che l’Eucaristia dovesse essere al centro delle nostre amicizie”.

Si allontanò, quindi, dal gruppo, perché voleva trovarne uno più vicino alla sua fede. Nel frattempo, però, ricadde nei vecchi vizi. 

“Ben presto persi di vista dove stavo andando e ricominciai a fare sesso. Ho recitato molto meno di prima, ma sono diventato di nuovo confuso e solo. Sono caduto nella disperazione e molte notti ho pianto fino ad addormentarmi. Ho aspettato. Passarono quattro anni. Una notte in particolare, di nuovo dopo aver gridato al Signore, sentii Gesù che mi parlava. Mi ha detto di rimettermi in carreggiata. Ho pianto, no, ho urlato ad alta voce, ‘Come Signore?! Come posso?! Perché mi hai lasciato di nuovo solo?! Non posso farlo da solo, Signore!’. Con una voce amorevole e ferma nel mio cuore, ha risposto che mi avrebbe aiutato”. 

Quella stessa settimana lo chiamò un amico. Gli chiedeva se potesse dare una mano con gli adolescenti, in chiesa. “No, no, Bob, semplicemente non posso”. Poi, dopo un po’ di insistenza da parte dell’amico, decise di raccontare ciò che stava vivendo.

L’amico, allora, gli parlò di un gruppo internazionale di sostegno cattolico per uomini e donne chiamato Courage. Ci sarebbe stata di lì a breve la loro conferenza annuale. Nel cuore di Peter si accese di nuovo la gioia: “Grazie Gesù! – disse in modo spontaneo – Grazie per la tua premura e misericordia e per i tuoi discepoli, come Bob e Mimi!” 

Partecipò alla conferenza e lì sentì di nuovo l’amorevole abbraccio di Dio. Iniziò a frequentare settimanalmente le riunioni locali di Courage. Un nuovo mondo si aprì intorno a lui: cominciarono a formarsi amicizie salutari con gli uomini e sentiva un senso di maturità e di amore sempre più profondo. 

“Facevo amicizia con i membri al di fuori delle riunioni con escursioni, visitando i bisognosi, cenando e guardando un film di tanto in tanto. Il mio desiderio di fare sesso si è placato. Cominciai anche ad avere sogni molto forti, in cui Gesù mi ordinava di tornare a combattere. Una volta mi ha detto di mettere la mia vita in ordine e di rimuovere tutto ciò che mi aveva tentato nelle mie dipendenze. Ho dato via la mia televisione e ho cominciato a partecipare regolarmente alla messa e alla confessione”. 

Peter in quel periodo recuperò anche il rapporto con suo padre. “Adesso posso amarlo”, afferma, anche se lui ha ancora i suoi limiti, anche se beve. Peter si è sentito guarito da Dio al punto di poter fare pace con il suo passato, al punto di poter perdonare i suoi famigliari per tutto il dolore causato. Ora la sua vita, in tutti gli ambiti, è più piena e felice.

“Sono ancora tentato? Sì, a volte, ma non più così spesso. Ora ho una vita di preghiera più forte, la presenza regolare di Cristo nell’Eucaristia, la confessione e le persone a cui posso rivolgermi quando ho bisogno. Sono anche una presenza per gli altri che hanno bisogno. A supportare tutto questo ci sono molti buoni amici. Alcuni li ho incontrati in un gruppo di giovani adulti. Esco anche con donne. Che esperienza fantastica ora farlo senza provare così tanto stress e il bisogno di parlare all’infinito per mantenere quella distanza di sicurezza. Mi dedico ad attività sessuale con le donne adesso? No. In effetti, ora mi sento molto forte nello sviluppare un’amicizia”. 

Per lui, oggi, è il matrimonio l’unico contesto adatto per vincolarsi con il sesso. E, in tutto questo, non ha paura di affermare che “gli ultimi anni di vita casta in Cristo sono stati finora veramente gli anni migliori”. 

Cosa fare se si conosce qualcuno che vive una relazione omosessuale? Peter, riguardandosi indietro, non ha dubbi: 

“Anche se l’altro ti mette davanti al fatto che lui o lei è gay, non devi essere d’accordo con quello che sta facendo. Amore non significa essere sempre d’accordo con qualcuno. Bob e Mimi non erano d’accordo sul fatto che dovessi continuare con la vita gay. Ma hanno pregato con me e hanno offerto la loro amicizia e i loro consigli. E se tu stesso ti senti gay o tentato di fare sesso al di fuori del matrimonio, sforzati di vivere castamente, impara il più possibile su quello che stai passando, cerca vere amicizie e, soprattutto, avvicinati al Signore. Grida a Lui e prendi la sua guida. Non ti deluderà”.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Cecilia Galatolo

Cecilia Galatolo, nata ad Ancona il 17 aprile 1992, è sposata e madre di due bambini. Collabora con l'editore Mimep Docete. È autrice di vari libri, tra cui "Sei nato originale non vivere da fotocopia" (dedicato al Beato Carlo Acutis). In particolare, si occupa di raccontare attraverso dei romanzi le storie dei santi. L'ultimo è "Amando scoprirai la tua strada", in cui emerge la storia della futura beata Sandra Sabattini. Ricercatrice per il gruppo di ricerca internazionale Family and Media, collabora anche con il settimanale della Diocesi di Jesi, col portale Korazym e Radio Giovani Arcobaleno. Attualmente cura per Punto Famiglia una rubrica sulla sessualità innestata nella vocazione cristiana del matrimonio.

ANNUNCIO

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.