12 Giugno 2022

Un raggio della santità di Dio

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 16,12-15)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Il commento

Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso” (16,12). Queste parole sono rivolte anche a noi. Essere discepoli di Gesù non significa sapere tutto. Il Signore non dice tutto perché sa che non siamo in grado di capire tutto. È bello pensare che la vita è un mistero da scoprire poco alla volta. Una cosa è certa: siamo stati creati da Dio a sua immagine e fin dai primi giorni della vita siamo rinati dall’acqua e dallo Spirito come figli infinitamente amati. Siamo dunque avvolti nella luce di Dio. Di che abbiamo paura? Restiamo aggrappati alla promessa che Gesù ha fatto ai discepoli: “Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera” (Gv 16,13). Non siamo soli. Lo Spirito ci guida e ci dona di scoprire, passo dopo passo, tutta la verità, cioè il progetto che Dio ha su di noi. Questo cammino non è sempre facile, non sempre appare come una tranquilla passeggiata, a volte lo Spirito ci condurrà nel deserto. come ha fatto con Gesù, subito dopo il battesimo del Giordano. Non sappiamo per quali vie ci conduce lo Spirito, alcune cose però sono già chiare. L’uomo potrà essere tanto più originale quanto più resta attaccato a Colui che è all’origine del nostro essere. E può crescere e realizzarsi solo e nella misura in cui si affida allo Spirito, permanente principio del nostro agire, che ci trasforma ad immagine del Figlio. La vita del credente diventa così una vera esperienza di trasfigurazione. Non solo comprendiamo sempre meglio la verità di Dio ma veniamo plasmati fino a diventare un raggio luminoso della santità di Dio.

Il mistero di Dio si riverbera nella storia e fa dell’uomo un segno visibile della presenza di Dio. Nella luce di Dio Trinità appare la vera identità dell’uomo, creato ad immagine di un Dio che in se stesso è infinita comunione di amore. L’uomo non è un individuo isolato e chiuso ma un soggetto  che vive in relazione, bisognoso di ricevere amore e, al tempo stesso, capace di amare. Oggi chiediamo la grazia di manifestare l’immagine di quel Dio che dimora in noi.



Briciole di Vangelo

di don Silvio Longobardi

s.longobardi@puntofamiglia.net

“Tutti da Te aspettano che tu dia loro il cibo in tempo opportuno”, dice il salmista. Il buon Dio non fa mancare il pane ai suoi figli. La Parola accompagna e sostiene il cammino della Chiesa, dona luce e forza a coloro che cercano la verità, indica la via della fedeltà. Ogni giorno risuona questa Parola. Ho voluto raccogliere qualche briciola di questo banchetto che rallegra il cuore per condividere con i fratelli la gioia della fede e la speranza del Vangelo.


Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Silvio Longobardi

Silvio Longobardi, presbitero della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno, è l’ispiratore del movimento ecclesiale Fraternità di Emmaus. Esperto di pastorale familiare, da più di trent’anni accompagna coppie di sposi a vivere in pienezza la loro vocazione. Autore di numerose pubblicazioni di spiritualità coniugale, cura per il magazine Punto Famiglia la rubrica “Corrispondenza familiare”.




ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.