29 Dicembre 2023

“Figlio mio, figlio mio, amore vieni qua”

Non c’è niente di peggio che affrontare l’infanzia e l’adolescenza senza la presenza dei genitori o con l’assenza di uno dei due. Sentirsi voluti e amati da chi ti ha dato la vita ed è pronto al tuo fianco a donarti il senso di questa vita è un diritto di tutti i figli. Non possiamo continuare ad ignorarlo in nome dei desideri degli adulti con tutto il rispetto per la storia di ciascuno.

Di solito mi capita di dire ai fidanzati ai corsi di preparazione al matrimonio, una frase ad effetto che ho sentito qualche tempo fa da un amico psicologo: “Il primo figlio della coppia è la coppia stessa”. Di solito mi guardano sbigottiti. Dopo un attimo di disorientamento, quando con amore li invito a prendersi cura della relazione di coppia e a nutrirla proprio come si fa con un bambino piccolo, distendono le fronti corrucciate, si prendono per mano, si guardano negli occhi e in quella intesa c’è tutto il desiderio di non trascurare mai il loro amore.

“Certo” penso tra me “fino all’arrivo del primo figlio o della promozione lavorativa…”. Purtroppo le crisi arrivano e con esse il desiderio di scappare, di fuggire lontano dal perimetro della propria vocazione (matrimonio) e se non c’è nessuno che tende una mano, che faccia da rete, che sia disposto a farsi compagno di viaggio, spesso si sceglie la strada più semplice: “Separiamoci!”. È facile trovare intorno alla coppia in crisi, chi inneggia e incoraggia questa scelta che da 30 anni dà ad un uomo o una donna il diritto di chiedere la separazione o il divorzio. Guai a mettere in discussione la conquista di civiltà! Si rischia il linciaggio. Peccato che come spesso avviene, il diritto di un uomo e di una donna “di essere felice” si scontri con l’obbligo di un figlio di soffrire per la separazione dei genitori.  

Sono letteralmente stufa di ascoltare fiabe di bambini felici di trascorrere i week end una volta dal papà e uno dalla mamma, stufa di pubblicità e telefilm che fanno vedere la felicità delle famiglie allargate dove la mamma si è risposata, il papà ha una nuova compagna, semmai figli nati da queste relazioni e tutti felici e contenti.

Qualche anno fa Mahmood vinse Sanremo con una canzone: Soldi. All’interno il cantante trap inserisce una frase in arabo, è l’unica che ricorda della sua infanzia, pronunciata dal padre: “Figlio mio, figlio mio, amore vieni qua”. E poi alla fine del testo, c’è il momento in cui si comprende che sta parlando del padre: “Ieri eri qua ora dove sei, papà”. È la domanda che si fanno tutti i bambini piccoli quando non vedono più quotidianamente la mamma o il padre e devono fare i conti con un’assenza, con un vuoto che non sanno comprendere.

Un giorno ad un incontro con i giovani ho parlato della bellezza e del coraggio del “per sempre”. Ho chiesto loro se quando dichiarano ad una ragazza il proprio amore dicono: “Vuoi stare con me fino al 2025?”. E tutti mi hanno risposto: “Certo che no! È una cosa bruttissima!”. Un ragazzo si è alzato e se ne è andato fuori. Alla fine, l’ho avvicinato e gli ho chiesto: “È stato così orribile quello che ho detto?”. E lui mi ha risposto: “No, ho sentito che anche io voglio un amore per sempre ma ho paura. Ho paura di fallire se un giorno avrò un figlio. Io ho sofferto molto per la separazione dei miei genitori. L’amore è una grande buffonata”.

Da adulti non possiamo far finta di nulla. C’è un grande vuoto su questo aspetto. Non si parla perché si ha paura di mettere in discussione il diritto di essere felice dopo il fallimento di un matrimonio o peggio si pensa che con un po’ di psicoterapia tutto si rimette al proprio posto. I pezzi di un cuore tradito purtroppo no. “Ieri eri qua ora dove sei, papà?”, un figlio se lo chiede anche da adulto.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

2 risposte su ““Figlio mio, figlio mio, amore vieni qua””

Questo articolo cade proprio a fagiolo!
Sono separata da 10 anni, divorziata da quasi 3.
Ho due figli generati dal matrimonio e una figlia di 9 anni concepita da una storia adultera.
Da 10 anni a questa parte ho scelto di vivere sola per cercare di mettere ordine nella mia vita e per rimanere accanto ai figli in passaggi così profondamente delicati e incisivi.
So di avere molto sbagliato soprattutto con i due più grandi negli ultimi anni, in cui non sono stata in grado di accompagnarli nella crescita e nel loro passaggio di trasformazione a giovani adulti (23 la figlia – 18 il figlio).
La carica di energia e vitalità dei primi anni di separazione è scemata col tempo per moltissime ragioni, pur conservando un leggero ottimismo di base.
Non sono una mamma supereroe!
Sto attraversando in questi ultimissimi anni un sorta di crisi valoriale che mi porta un affaticamento e un abbattimento morale nelle cose che faccio.
La novità degli ultimi 2 mesi è la volontà dei 2 figli più grandi di vivere stabilmente col padre (da sempre è stata una settimana completa a testa) perché con lui si sentono meglio.
Interpreto la loro difficoltà di stare con me con un passo significativo del Vangelo: “Non hanno più vino!”
È vero… percepisco anch’io questa mancanza di gioia nello stare e nel vivere in famiglia.
Abbiamo avuto in questi giorni un confronto su questo mal stare e ne è scaturito tutto il loro dolore non superato della separazione e dell’arrivo inaspettato di una sorella non voluta; della difficoltà di essere accettati da parte mia per quello che loro sono: persone con le loro caratteristiche, credenze e scelte.
Mi recriminano il fatto di trattarli da bambini dando consigli non richiesti e “imponendo” valori non condivisi.
Per loro non siamo UNA famiglia divisa, ma due nuclei familiari: loro con il papà e io con la sorellina.
Sono affranta.
Mi sento chiamata in causa, ma or ora non trovo la forza e la capacità di donare un amore che mi sembra esaurito.
Riconosco che da parte mia si è creata nei loro confronti una disaffezione dovuta a un continuo e ripetuto rifiuto del mio essere e del mio proporre.
Due sono le soluzioni che si affacciano nella mia mente:
1. Intensificare la preghiera perché solo Dio legge nei cuori e solo lo Spirito Santo può infiammarli (anche il mio)
2. Trovare una persona terza e non del nucleo familiare che ci aiuti (ma pur avendolo proposto nessuno tranne me è disposto a mettersi in gioco).
Accetto consigli e anche critiche, ma solo quelle costruttive.
Grazie

Quando la coppia non va nel matrimonio, si è costretti a scegliere tra il diritto alla felicità propria o quella dei figli. Il coraggio di scegliere per la felicità dei figli può essere sorretto solo dalla forza delle fede, dalla forza che solo il Signore ti può dare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.