1 Aprile 2021

Con umiltà scelgo ogni giorno l’Eucaristia | 1 aprile 2021

Sono seduta alla mia scrivania, cerco di scrivere qualcosa di decente da consegnare per il mio post mattutino ma i pensieri si susseguono disordinati e ribelli. Non so da dove cominciare, vorrei tentare di fare un bilancio di questa Quaresima appena trascorsa ma non ho il tempo né la voglia. Le ferite sono ancora aperte e le spalle portano ancora il peso delle recenti sofferenze.

Mi alzo in cerca di ispirazione. Spalanco la finestra del mio studio per respirare l’aria fresca della notte. Il silenzio avvolge come un manto tutte le cose. Sembra quasi di sentire il respiro della terra. Alzo gli occhi al cielo e vedo una stella luminosissima e brillante. Molto più delle altre. Sono rimasta a contemplarla per alcuni minuti pensando fosse un aereo e invece non si è mossa, anzi appariva sempre più splendente. Ho chiamato mio figlio, che come me è uno che va a letto molto tardi, e siamo rimasti così con il naso all’insù a contemplare tanta meraviglia. Non ho potuto evitare di commuovermi. Ultimamente mi succede spesso. Gli anni passano e io mi scopro più fragile. 

O forse non è la fragilità ma solo la capacità di lasciarsi ferire. Ferire dall’amore. Chi sceglie di seguire il Maestro, di amare il Maestro, sa che il suo cuore deve lasciarsi ferire. Come la sposa del Cantico dei Cantici che esce in cerca del suo amato, gli amici di Gesù vivono questa condizione: “Mi hanno incontrata le guardie che fanno la ronda in città; mi hanno percossa, mi hanno ferita, mi hanno tolto il mantello le guardie delle mura” (Ct 5,7). Non possiamo vivere senza Cristo, senza di Lui non possiamo far nulla, “in Lui viviamo, ci muoviamo ed esistiamo”.

Lui sussurra al nostro cuore: “Io sono il pane della vita”, il pane che ti vivifica, l’amore che rasserena le tempeste dell’animo tuo. Io sono al di fuori di Lui non c’è vita. Io sono, sì nel tuo nulla, nella tua umanità ribelle, nei tuoi pensieri confusi. Io sono, fedele alla mia promessa, fermo nel mio desiderio di amarti e donarti in abbondanza la vita. Io sono e tu vivi in me e per me, partecipi alla pienezza della mia vita, alla grazia della mia tenerezza, alla misericordia che rivela il mio desiderio di comunicarmi come guarigione e salvezza per chi confida in me. Io sono – e poi aggiunge – il pane.

Quale umiltà è quella che tu, Gesù manifesti ed annunci prima della tua Pasqua, prima del compimento della tua passione. Ti consegni come pane, scegli di essere pane. L’amore si nasconde, l’amore non solo è umiltà, ma accoglie di buon grado l’umiliazione, perché è dimentico di sé e proteso al bene dell’altro. Chi ama, si fa mangiare, senza battere ciglio. Pane vivo è Gesù perché capace non solo di sostenere la vita che noi già abbiamo, quella materiale, ma di comunicarci una vita, quella divina, che non abbiamo, ma che per grazia da lui riceviamo.

Oggi rinnoviamo il nostro desiderio di nutrirci dell’Eucaristia. Avere la vita di Gesù in noi è divenire tempio vivo del suo Spirito, non solo contenerlo come in un vaso, ma lasciare che la sua fragranza si espanda nelle nostre opere. L’Eucaristia è Gesù in noi e per noi, baluardo di difesa contro le tentazioni, rocca sicura contro le tribolazioni, antidoto nello scoraggiamento, corazza per combattere i dardi della disperazione. Se lo riceviamo con fede, è Lui a combattere in noi, è Lui a sostenerci nella prova, è Lui che addestra le nostre mani alla guerra, le dita alla battaglia, è Lui che ci spinge al perdono e al farci servi dei fratelli, perché Gesù in noi può fare meraviglie se noi gli diciamo, al pari di Maria, il nostro Eccomi. È Lui la stella che ogni giorno contemplo. E stanotte me lo ha ricordato.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO



Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.