19 Agosto 2021

I preti, il sesso e l’amore | 19 agosto 2021

Ascoltavo ieri ad un incontro con un gruppo di seminaristi l’esperienza di Leonid, un giovane ragazzo ucraino venuto in Italia più di otto anni fa per comprendere la sua vocazione. Dopo alcuni anni di discernimento e di formazione, accompagnato dal movimento in cui si è inserito, ha scelto la via della consacrazione verginale e ora studia Teologia per diventare presbitero.

Nella sua esperienza Leonid ha raccontato il ruolo che gli sposi hanno avuto e hanno nel suo percorso formativo. Un elemento originale e vorrei dire profetico del carisma di questo movimento che spesso manca quasi completamente nella formazione degli aspiranti chierici: la relazione con gli sposi. Una relazione intesa come leale amicizia, preghiera condivisa, reciprocità. Una relazione che è generativa in entrambi i sensi: gli sposi lo hanno fatto sentire amato, voluto bene, gli hanno mostrato la fatica della famiglia ma anche il volto di un amore che nonostante tutte le difficoltà ogni giorno ricomincia il suo cammino; Leonid ha ricordato loro che senza Dio la famiglia è più povera e che l’amore deve alzare gli occhi al cielo quotidianamente e non restare impigliato tra le maglie di una quotidianità asfissiante e deleteria.

Papa Francesco in Amoris laetitia fa un riferimento interessante sulla questione affermando che: “è importante che le famiglie accompagnino tutto il processo del seminario e del sacerdozio, poiché aiutano a fortificarlo in modo realistico” (n. 203). Ma nella realtà ordinaria della formazione dei seminaristi quanto spazio viene dato a questo accompagnamento? A me non sembra sia previsto. Eppure quanto bene ciò potrebbe significare per i futuri sacerdoti!

Ho letto quest’estate un libro un po’ inquietante per la mia sensibilità: La casta dei casti. I preti, il sesso e l’amore del sociologo Marco Marzano. Non ci sono tabelle, domande o percentuali come ci si aspetterebbe da un libro di profilo sociologico bensì l’autore ha intervistato 41 presbiteri su come hanno vissuto la loro sessualità durante gli anni della formazione in seminario, e come la vivono ora che hanno la responsabilità di una parrocchia. Il quadro che emerge non è adatto a tutti definiamolo così. A mio avviso è molto parziale e andava equilibrato con altrettante esperienze positive di preti felici sia del loro cammino di formazione che del loro vissuto perché il rischio è quello di proporre una visione generale del seminario oscura e repressiva che non coincide con la realtà.

Tuttavia, il merito di questo lavoro è quello di accendere un faro su un vuoto. Non possiamo ignorare il fatto che la mancanza di un’attenta e adeguata formazione alla vita affettiva e poi sessuale durante gli anni della formazione se non a livello molto didattico genera spesso giovani preti che una volta usciti dal seminario e  mandati in parrocchia, o incaricati di altri ruoli pastorali, si trovano immersi in un mondo dove i contatti con le persone, donne e uomini, sono parte delle loro attività quotidiane: e, dunque, come testimoniano gli intervistati, le pulsioni represse per anni scoppiano, ed è facile innamorarsi.

Anche perché dopo anni in cui vengono seguiti assiduamente in seminario dai formatori, dal rettore, dai propri vescovi, etc.. poi sostanzialmente vengono lasciati soli. È vero che c’è un’adultità che deve venire fuori ma il problema non è quello quanto la maturità affettiva e sessuale. L’autore nel sottotitolo cita l’amore ma io non ho letto una pagina sull’argomento. Dunque? L’esperienza di Leonid mi ha fatto capire che forse dovremmo ricominciare da lì come Chiesa, dalla relazione con gli sposi, dalla capacità di sentirci “amici”, “genitori”, fratelli gli uni degli altri. Un sogno?


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO



Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.