27 Agosto 2022

Uno Stato per essere “laico” deve essere a favore dell’aborto?

A San Marino in questi giorni si discute sul testo di legge per introdurre l’aborto. L’associazione “Uno di noi” in linea anche con i criteri e gli orientamenti dell’enciclica Evangelium Vitae ha proposto emendamenti che rendessero meno iniqua la legge in atto in Repubblica ma non sono stati presi in considerazione nella discussione. 

L’opposizione si aggrappa a tesi assurde. Tra queste il riferimento alla vocazione laica della Repubblica di san Marino. Si legge: «Nel confermare la vocazione laica della Repubblica di San Marino». Sanno cosa significa l’espressione – puramente del linguaggio ecclesiale – “vocazione laica” utilizzata in questo caso solo al servizio del loro pensiero?

Il testo che sarà discusso auspica un consultorio per sostenere coloro che vogliono abortire che «fornisce consulenza ed assistenza psicologica, ginecologica ed andrologica, per donne e uomini, anche minorenni, in tutte le fasi della loro vita e a seconda del loro orientamento sessuale… a tutti coloro che abbiano necessità di consulto psicologico relativo all’orientamento di genere». La domanda che mi pongo è e che bisognerebbe che si ponga anche chi voterà il testo: ma l’orientamento sessuale e di genere che cosa c’entra con l’aborto?

Per non parlare di un altro riferimento essenziale da porre in essere nelle scuole. Secondo questi signori è necessario promuovere «l’idea di una sessualità da vivere con piena consapevolezza, anche senza scopo procreativo».

Non ho capito. La proposta sovverte ogni principio. Anche quello della legge 194. Non solo non è l’ultima decisione se, non è possibile rimuovere gli ostacoli che portano la donna alla decisione di abortire, ma diventa un’occasione di promozione delle tesi omosessuali, della cultura gender e infine della destituzione della famiglia come il riferimento educativo sui temi della sessualità per i propri figli.

Ecco lo Stato laico che per continuare ad essere definito tale non può accettare soluzioni diverse all’aborto, soluzioni di aiuto e di sostegno della donna, possibilità di partorire in anonimato, adozione, associazionismo a favore della vita. La laicità coincide con la libertà di sopprimere il proprio figlio anche contro tutti i progressi scientifici che ampiamente dimostrano come fin dal concepimento ci sia vita nel grembo della donna. Ma Piero Angela va bene fino ad un certo punto, poi comincia l’ideologia con buona pace di tutti.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).




ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.