16 Settembre 2021

Madri anche se suore

Cinque Suore Missionarie della Carità, evacuate dall’Afghanistan in seguito alla presa del potere da parte dei talebani, hanno portato con sé in Italia 14 orfani disabili che avevano in cura a Kabul. Hanno un’età compresa tra i 6 e i 20 anni. Sono atterrati insieme agli altri 250 passeggeri il 25 agosto 2021 a Roma Fiumicino. Avevano gli occhi accesi dalla curiosità e forse dalla paura di un posto per loro tutto nuovo ma al loro fianco c’erano le suore della Congregazione delle Missionarie della Carità, l’ordine fondato da Madre Teresa a Calcutta.

Dal 2006 una piccola comunità è presente a Kabul e si occupa di un orfanotrofio dove vivono bambini disabili, abbandonati dai loro genitori e dalla società. Con l’arrivo dei talebani, le suore sono state costrette a lasciare tutto, il centro è stato distrutto. Aiutate da padre Giovanni Scalese sono riuscite a mettere i bambini nella lista delle persone da evacuare. Ora le cinque suore e i loro “figli”, 11 ragazze e 3 ragazzi, alloggiano in un centro delle Missionarie della Carità situato a Tor Bella Monaca, alla periferia di Roma. Una suora del centro a Vatican News ha detto che “questi bambini ci danno tanta tenerezza. Ci chiedono di relazionarci con loro e ci danno la capacità di amare; allargano i nostri cuori perché possiamo amare di più”.

Quanta bellezza in questo gesto e in queste parole. Viene fuori la maternità che è una dimensione che appartiene a tutte le donne, sia spose che consacrate. Quando si diventa madre? Non è una domanda scontata né banale. Il diventare madre nella vita di una donna non è solo legato al momento in cui quelle due lineette diventano rosa sul test, né quando le analisi confermano con le beta che nel corpo c’è una nuova vita.

Diventare madre è un processo in divenire, legato alla consapevolezza che una donna esprime pienamente la sua femminilità nel momento in cui impara a fare della sua vita un dono, nel momento in cui lascia fluire dentro di sé e intorno a sé il prendersi cura dell’altro che è proprio della sua identità. Quando prende consapevolezza e coscienza che quello spazio vuoto costituito dall’utero nel suo corpo può essere riempito da un altro, da altri che hanno bisogno di essere generati nell’amore e nella verità. Cosicché l’essere madre diventa il metro delle relazioni, quello spazio viene colmato dalla capacità di prendersi cura dell’altro, accompagnarlo, guidarlo, sostenerlo. Proprio come queste suore hanno fatto e fanno con questi 14 bambini e ragazzi.

Se una consacrata non vive pienamente la sua dimensione materna, non risponde alla sua vocazione di donna perché la maternità è un tratto fondamentale della sua identità. Non tutte sono chiamate a fare quello che hanno fatto queste suore, è chiaro ma tutte sono chiamate a prendersi cura dell’altro con quell’attenzione, quella cura, quella tenerezza materna che la Vergine Maria ci insegna e ci chiede di vivere.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.