affido familiare

Diamo una casa ai minori

(© Zurijeta - Shutterstock.com)

di Nello Califano

Sono sempre di più e sempre più piccoli, i minori inseriti in comunità di accoglienza anziché dati in affido: secondo gli ultimi dati emersi dal settimo rapporto “I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia” a cura del Gruppo Crc sono 14.991 i minorenni accolti in comunità a fronte dei 29.388 bambini e ragazzi temporaneamente fuori dalla propria famiglia di origine. “Da tre anni manca un Piano infanzia”, denunciano le associazioni. L’incidenza percentuale degli inserimenti in comunità residenziale di bambini in età pre-scolare (0-5 anni) è stata del 14% sul totale. “Si registra dunque un uso preoccupante e ancora troppo consistente dell’inserimento in comunità di bambini piccolissimi – spiega il rapporto – È necessaria un’inversione di tendenza in questo senso, così come è fondamentale segnalare la mancanza di dati e informazioni utili per restituire unicità e continuità alla storia di ogni minorenne, per accompagnarlo nella crescita”. Il rapporto sottolinea che sono aumentati dell’11,4% i bambini dichiarati adottabili in Italia. In aumento del 4,5% anche le coppie che hanno presentato domanda di adozione nazionale – 10.244 nel 2012 (9.795 nel 2011). “Nonostante questo è in pratica rimasto invariato, con un calo solo dell’1%, sia il numero degli affidamenti preadottivi: 957 nel 2012 (965 nel 2011), sia delle adozioni legittimanti che sono 1.006 nel 2012 (1.016 nel 2011). In proporzione, quindi, sembrano aumentati i casi di bambini che pur essendo adottabili non vengono adottati”.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.