USO DELLE PAROLE

Eliminare le parole superflue: ecco un buon digiuno per la Quaresima

Per questa Quaresima dovremmo fare digiuno dalle parole superflue. Pensiamo all’uso che facciamo delle parole in famiglia, al lavoro, sui social. Quante parole sono germogli vivi della Parola e quante sono invece superflue e quindi nel miglior caso inutili, nel peggiore “echi” del maligno?

Il cammino di Quaresima ci offre l’occasione di ripensare noi stessi, di ripensare la nostra vita, di ripensare al valore stesso che nella nostra vita riveste la Parola, sommersa troppo spesso dalle tante parole che invadono i nostri spazi, i nostri tempi, le nostre relazioni.

Eppure, il nostro non è un cammino individuale e non può avere valenza solo e soltanto per noi.

In quanto cristiani siamo costantemente chiamati alla testimonianza e, al netto della nostra esigenza continua di conversione, non possiamo nasconderci sotto al moggio in attesa che il cammino di conversione e di sequela sia pienamente realizzato. 

Un piccolo spoiler: inutile illudersi, non lo è mai.

Eppure, come dicevo, siamo chiamati alla testimonianza continua, costante, e il nostro essere cristiani solo “nominali” può compromettere non soltanto la nostra, ma anche la altrui conversione.

È di questo che dobbiamo sentire sempre forte la responsabilità.

A volte ci illudiamo di poter convertire con la forza di una Verità che dovrebbe scardinare ogni resistenza. La Verità è una conquista del cuore, prima ancora che una conoscenza dogmatica o un’osservanza di precetti fideistici. 

È questo che Gesù stesso ci insegna con il suo Vangelo nella diatriba tutt’altro che celata con scribi e farisei.

Il cammino della Quaresima deve insegnare anche a noi laici che siamo parte integrante, essenziale e corresponsabile della Chiesa, a sentirne pienamente il peso e la responsabilità.

Papa Benedetto XI amava dire che “si evangelizza non per proselitismo ma per attrazione”. 

È soltanto se traspare in noi il volto trasfigurato di Cristo che la nostra testimonianza cristiana diventa attraente e, di conseguenza, attrattiva per chi vive il proprio tempo e la propria vita non lasciandosi coinvolgere dalla gioia di Cristo.

Leggi anche: Togliere il superfluo, organizzazione, preghiera: tre consigli per la Quaresima (puntofamiglia.net)

Interroghiamoci più spesso dunque, in questo cammino di Quaresima, del digiuno stesso che alle volte dovremmo fare dalle parole superflue, dell’elemosina fatta di parole di conforto, delle parole della nostra preghiera che siano autentici canti di lode o stridenti grida di invocazione.

Quante volte, invece, delle nostre parole ne facciamo un uso sbagliato: “il vostro parlare sia sì-sì, no-no. Il di più viene dal maligno” (Mt 5, 37).

Pensiamo all’uso che facciamo delle parole in famiglia, al lavoro, sui social. Quante parole sono germogli vivi della Parola e quante sono invece superflue e quindi nel miglior caso inutili, nel peggiore “echi” del maligno?

Non dimentichiamo mai che il nostro cammino è sempre un “convertirsi, testimoniando”. Non possiamo rinunciare né all’una cosa, né all’altra. Abbiamo la responsabilità dell’uso che facciamo delle nostre parole, per essere attraenti, per essere attrattivi. 

Per trasfigurarci, con Lui, nella notte di Pasqua.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Vito Rizzo

Vito Rizzo è nato e vive ad Agropoli (SA). Avvocato e giornalista, autore e conduttore di programmi televisivi di informazione religiosa. È catechista, educatore di Azione Cattolica e direttore del Festival della Teologia “Incontri”. Oltre alla Laurea in Giurisprudenza all’Università “Federico II” di Napoli, ha conseguito la Laurea in Scienze Religiose presso l’ISSR “San Matteo” di Salerno e sta proseguendo gli studi teologici presso la Sezione “San Luigi” della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli. Tra le sue pubblicazioni “La Fabbrica del Talento”, Effedi editore (2012), con Milly Chiarelli “Caro Angioletto. Le preghiere con le parole dei bambini”, L’Argolibro editore (2014), con Rosa Cianciulli “Francesco. Animus Loci”, L’Argolibro editore (2018). Ha attivato un suo blog (vitorizzo.eu) su cui pubblica riflessioni e commenti e collabora alla rivista on line di tematiche familiari Punto Famiglia. Sempre con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato “Carlo Acutis – l’apostolo dei Millennials”.

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.